Gli ordini effettuati dal 18 Dicembre al 3 Gennaio 2019 potranno subire qualche ritardo nella consegna.
Image

Casa Germinal Bio

La filiera del farro: i retroscena della nostra filiera corta, controllata e 100% italiana

Il farro è un antico cereale, progenitore del frumento, che cresce su terreni relativamente poveri, necessita di poche cure, resiste bene alle basse temperature, e produce un chicco rustico che, trasformato sapientemente in farina,  si presta ad innumerevoli utilizzi.

Il nostro farro biologico è originario del territorio Ferrarese, dove il microclima del Delta del Po conferisce a ciascun chicco un gusto unico e dallo straordinario valore nutrizionale. I terreni sono scelti con cura per ottenere sementi di qualità. È in autunno o in primavera che avviene la semina e una volta avvenuta la maturazione, si procede con la raccolta che si svolge in estate/tarda estate.

Il nostro farro è il Farro Spelta (Triticum spelta) che è una delle varietà più antiche.

Come nasce la farina che usiamo per i nostri prodotti? Partiamo dall’inizio…

Il farro viene comunemente chiamato “grano vestito”, perché il chicco, dopo la trebbiatura, rimane rivestito dal suo involucro e necessita quindi di decorticazione prima di essere utilizzato. Ma che cos’è la decorticazione? È una procedura che si svolge all’interno del molino per eliminare la parte corticale del chicco, conservandone l’integrità e tutti i suoi valori nutrizionali.

Ma c’è molto di più! Il cereale biologico va incontro a numerosi controlli (verifica di umidità, peso, apporto delle proteine, ecc.) e una serie di puliture lungo il processo di lavorazione, per evitare che ci siano impurità.

La nostra farina di farro spelta è ora pronta per la molitura a cilindri. Tutto nel rispetto delle procedure e dei stringenti controlli previsti dalla certificazione biologica.

Ed è così che nasce la nostra farina di farro, arrivando tra le nostre mani, per finire poi nei tuoi prodotti preferiti!        

Lo sapevi che….?
Il farro era considerato sacro per gli antichi abitanti dell'Italia: Latini, Umbri e Sabini. La focaccia di questo cereale (la "spelta") era il piatto di rito nel matrimonio romano.