Gli ordini effettuati dal 18 Dicembre al 3 Gennaio 2019 potranno subire qualche ritardo nella consegna.
Image

I nostri ingredienti

Lasciati tentare dalla melagrana: prelibato e succoso frutto autunnale

Prelibato, succulento e prezioso: questo è il melograno.
Originario dell’Asia sud-occidentale, è un frutto affascinante, prelibato e ricco di proprietà, che con il rosso dei suoi chicchi ci ammalia e ci fa pensare subito alle feste natalizie.
Il nome "melograno" deriva dal latino malum ("mela") e granatum ("con semi”), infatti la forma del melograno ricorda quella di una mela, ma all’interno si nascondono tanti chicchi dal gusto leggermente acidulo.
Allora scopriamo di più su questo frutto davvero versatile.

 

Proprietà e benefici della melagrana
La melagrana è un frutto ricco di vitamine, minerali e antiossidanti, ma vediamo di scoprirne più da vicino le numerose proprietà e virtù.

  • Il frutto del melograno è tra i più ricchi di antiossidanti;
  • È fonte di numerose vitamine: vitamina A, vitamina C, vitamina E e vitamine del gruppo B;
  • Contiene sali minerali importanti come il manganese, il potassio, lo zinco, il rame e il fosforo;
  • La sua ricchezza d’acqua e il suo contenuto di potassio lo rendono un alimento utile per depurare l’organismo.


Insomma un alleato di stagione davvero prezioso da gustare nei mesi autunnali, quando bussano alla porta i primi malanni di stagione.

 

Come riconoscere un buon melograno? Il segreto risiede nel colore!
Si perché per riconoscere un buon melograno devi guardarne il colore e il peso: il colore deve essere brillante e dal peso riesci a capire la quantità di succo contenuta nel frutto.
Quando sono acerbe, le melagrane sono perfettamente rotonde e man mano che maturano i semi carichi di succo iniziano a espandersi premendo contro le pareti del frutto. Una melagrana matura al contrario non ha una forma regolare.
Controllo poi che la superficie del frutto sia integra e non abbia ammaccature.

 

Come si sbuccia?
Le tecniche e i trucchi in cucina sono molti, e alcuni funzionano meglio di altri, ma qual è il metodo più veloce per sbucciare un melograno?
Il modo più pratico per sbucciare questo frutto consiste nel togliere il picciolo, incidere la buccia in quarti e dividerlo con la mani, avendo accortezza di far cadere tutti i chicchi in una ciotola.
Quelli che non cadono sarà necessario farli cadere con la pressione delle dita e con tanta pazienza.
In alternativa, taglia il melagrana a metà e poi con il dorso di un cucchiaio batti forte la parte della buccia e i chicchi verranno via in un attimo.

 

Ricette con la melagrana
Dall’antipasto al primo, fino al secondo, la melagrana si può utilizzare un po’ ovunque per arricchire i tuoi piatti.
Infatti si tratta di un frutto molto versatile: una volta sgranato lo puoi mangiare a colazione, insieme ai fiocchi ai cereali e allo yogurt o per guarnire un gustoso porridge ad esempio, oppure puoi utilizzarlo per preparare gustosi primi piatti, come un risotto, un secondo piatto, ma anche golosi dessert.
E se volessi preparare un succo di melograno? Lo puoi realizzare facilmente! Basta avere a disposizione un normalissimo spremiagrumi e in questo modo otterrai una bevanda ricca di vitamine e di antiossidanti.
Oppure puoi optare per un centrifugato gustoso e naturale : per prima cosa elimina tutte le parti bianche del melograno che rendono amaro il succo, prendi un’arancia, un goccio di limone e poi passa tutto nella centrifuga o nell’estrattore. E il gioco è fatto!

 

Lo sapevi che….
Con il termine melograno spesso si indicano sia l’albero che il frutto, ma il frutto sarebbe più corretto chiamarlo melagrana.

 

Condividi con noi le ricette che hai realizzato con questo frutto autunnale!